Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie

point of blog

note informative

I principali interventi del Decreto 193/2016 riguardano la soppressione di Equitalia, che verrebbe sostituita dall’Agenzia delle Entrate – Riscossione, l’introduzione di alcuni adempimenti Iva (spesometro trimestrale e comunicazione dei dati riepilogativi delle liquidazioni periodiche), l’istituzione di un credito d’imposta per adeguamento tecnologico legato ai nuovi obblighi di comunicazione Iva e ai soggetti che hanno esercitato l’opzione per la trasmissione telematica dei corrispettivi, l’abrogazione della comunicazione black list e degli Intrastat relativi agli acquisti di beni e servizi.

In data 15.10.2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di Legge di Bilancio per l’anno 2017. Il provvedimento, in attesa dell’approvazione delle Camere e dalla Commissione UE, prevede numerose novità in materia fiscale: in primo luogo viene confermata la riduzione dell’IRES dal 27,5% al 24% e l’abbattimento di tutte le clausole di salvaguardia (che prevedevano l’aumento dell’IVA a regime fino al 25% entro il 2018 nel caso in cui non fossero intervenuti tagli di spesa per 15 miliardi).

Con il DL n. 138/2011 il legislatore ha disposto la soppressione dell’esonero dall’emissione di scontrino o ricevuta fiscale relativamente alle operazioni effettuate dagli stabilimenti balneari. Alla luce della disciplina attualmente in vigore, le posizioni fiscali dei titolari degli stabilimenti balneari potranno essere verificate dall’Amministrazione finanziaria attraverso una documentazione fiscale, mentre in precedenza era necessaria una ricostruzione “a tavolino” dell’intero volume d’affari dei contribuenti.

A seguito della reintroduzione - da parte della legge di stabilità per il 2016 - dell’agevolazione sui premi di produttività erogati ai lavoratori, è stato emanato il decreto attuativo dell’agevolazione (DM24.02.2016). Per l’anno 2016, il legislatore ha introdotto la consueta tassazione agevolata dei premi di produttività prevedendo, inoltre, la detassazione totale di alcuni emolumenti erogati al lavoratore.

Con comunicato stampa 29.3.2016 n.54 l'Agenzia delle Entrate ha illustrato le novità della dichiarazione precompilata 2016, riguardanti, da quest'anno, il modello UNICO PF oltre che il modello 730. Nella dichiarazione dei redditi precompilata 2016, relativa al periodo d'imposta 2015, confluiscono dati quali, ad esempio, le spese sanitarie sostenute, i rimborsi effettuati per prestazioni non erogate o parzialmente erogate, oltre che, sempre a titolo esemplificativo, i dati relativi ai bonifici di pagamento delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici.

Dal 2 maggio 2016 il reverse charge IVA (inversione contabile) sarà applicabile, oltre che ai telefoni cellulari (concepiti come dispositivi fabbricati per essere connessi ad una rete munita di licenze e funzionanti a frequenze specifiche) ed ai dispositivi a circuito integrato (microprocessori, unità centrali di elaborazione prima della loro installazione a prodotti destinati al consumatore finale), anche a tablet, pc portatili e console da gioco.

Dal 15.03.2016 viene attivato il sistema SPID che consente alle imprese ed ai cittadini di dialogare con tutte le pubbliche amministrazioni attraverso una sola ed unica profilazione. A regime, con una sola identità digitale (dotata di più livelli di sicurezza a seconda delle operazioni che devono essere effettuate), sarà possibile accedere ai servizi resi da almeno 600 amministrazioni pubbliche (ed entro due anni dall’introduzione i servizi di tutte le pubbliche amministrazioni).

A partire dal prossimo 12.03.2016 sarà attiva la nuova procedura di dimissioni del lavoratore e risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Considerata la complessità della procedura, i lavoratori avranno la possibilità di rivolgersi ad uno dei soggetti abilitati all’invio telematico (patronato, organizzazione sindacale, ente bilaterale e commissioni di certificazione) che si occuperà, al loro posto, di tutti gli adempimenti previsti per la presentazione delle dimissioni.